Mantella: nuovo charme femminino

Nello svolgersi della kermesse di sfilate per la nuova stagione Autunno Inverno 15-16, in un tripudio di stili che designano i mood del nuovo contemporaneo universo femminile, sofisticato e misterioso, elegante e sobrio, un elemento shock di grande valenza Moda riemerge: la mantella.

burberry-prorsum-2

Elemento che dopo le fortunate anticipazioni delle stagioni precedenti, spesso tra citazioni retrò e ipotesi di stile sul “fatale” , fa di nuovo capolino, accreditando sempre maggior consenso, per lo sviluppo delle nuove linee, sia come capo isolato per i capispalla, che come dettaglio modellistico rilevante, talvolta accessorio, talvolta incorporato agli abiti, alle tute e ai nuovi capi ibridi, da giorno, da sera, da cocktail o da sposa … che siano.salvatore-ferragamo-maxi-mantellaMini-abito-in-tessuto-leggero-profonda-scollatura-a-lacrima-sul-davanti-stampa-zodiacale-e-lungo-strascico-posteriore

outfit-con-abito-e-mantella-rossi

La mantella, detta anche cappa o scialle, accomuna le creazioni di case come Pucci, Ferragamo, Anteprima, Ferretti, Valentino e tanti altri di questo calibro… Appare come novità assoluta e si riafferma con decisione anche per la stagione fredda, per il prossimo Autunno Inverno 2015-16.

Sarà forse quell’aria erotica, sofisticata e di mistero che sa come valorizzare la femmina, sarà la cadenza sinuosa dei tessuti che diventano protagonisti nell’aleggiare intorno alla silhouette e nell’avviluppare la figura di una donna in movimento, coprirla e scoprirla, o sarà forse quel significato regale e maestoso di cui la mantella dispone, quella severità sottintesa.

Un mantello da super eroina sottolinea le spalle e la corporatura imponente di una donna che ambisce a presenziare, ambisce ad affermarsi, svelando il corpo a dosi.

zuhair-murad-look

I capi prenfono forma su di una linea diversa dal solito. Erano passati 30 anni dall’ultima volta. La mantella era divenuta obsoleta, antica, goffa, nella percezione comune. Quando invece può essere letta come capo o dettaglio stilistico d’effetto, tra il pudico e il sensuale. 

Valentino presenta l’abito con maniche a mantella.

La mantella poi diventa base di sviluppo anche su linee asimmetriche, nuovissime, andando oltre alla sua origine. Diventa modernità e dettaglio all’ultimo grido.

Nelle sue versioni più romantiche e principesche, nei tessuti soavi e fluttuanti rende la donna eterea e sognante, intenta in una corsa emozionale tra le nuove giungle urbane, che si fanno sempre più boschive e verdi, più leggiadre e leggere.

abito-e-mantella-philosophyLa sposa con mantella, tra il fiabesco e l’avanguardia, ci conquista come novità assoluta, sia se d’ispirazione robe de nuit e lingerie, sia in quella da vamp divina.

Abito-da-sposa-2016-bianco-2016-Alberta-Ferretti-Forever-con-mantellina

00010h_20150129155344

Simbolo clericale, aristocratico, eroico e da uniforme, la mantella ha implicita in sė un’idea di potere e di autorità.

Ci vuole del carattere per portarla in maniera degna e disinvolta!

Cosa puó scaturire nell’immaginario maschile all’apparire della mantella da pioggia in simil-vinile verniciato, portata con stivaloni sopra al ginocchio e cappello boyish a falda larga?

Questo non si sa!

vestito-nero-di-pelle-verniciata-con-mantella

La tuta per TutTe!

La tuta! Un capo che nacque sotto il segno dei Gemelli non può che essere versatile!(ndr)

Ricompare nei défilé del prêt-à-porter e dell’haute coture più di tendenza, in concomitanza con il ritorno dell’eclettico revival di stili del XX secolo: dal total-jeans alle salopette, dalla moda anni ’70 al boho,  alla rivisitazione delle eleganti linee dei primi del ‘900, o degli ampi e fluidi pantaloni del pijiama palazzo  di Galitzine che videro il loro esordio intorno agli anni ’60.

url-44

La prima tuta della storia nacque a Firenze negli anni ’20 e per antonomasia è il capo che meglio rappresenta il movimento del futurismo. Per essere arrivata al quasi secondo decennio XXI sec con tale riverenza, ciò si dimostra essere assolutamente coerente!

Non si era mai vista prima nella storia del costume e della moda una veste simile. Un ibrido tra ciò che avviluppa naturalmente il corpo umano sopra, il top in senso più generico,  e il pantalone.

Essa fu concepita inizialmente come “capo universale”.

Il quotidiano la Nazione di Firenze ne decretò la diffusione e promozione ufficialmente, diffondendo un articolo ad essa dedicato il 16 Giugno del 1920. Vennero divulgati insieme all’articolo l’illustrazione ad opera del suo inventore e addirittura il disegno esplicativo sul metodo di taglio.

Il primo prototipo di tuta fu il risultato di una ricerca, quella del “capo universale tutto di un pezzo”, da parte dell’ anglo svizzero americano fiorentino Ernesto Henry Michahelles, aka Thayaht.

Studioso di esoterismo e fascista, questo curioso personaggio era un vero creativo: pittore, scultore, stilista di moda. Il suo disegno della tuta ha origine nella semplice “forma a T”, da cui deriva il nome. Ispirata ai concetti futuristici attestati dal Manifesto Futurista e da Giacomo Balla, semplice, pratica, nuova, sintetica, diventò dapprima abbigliamento comodo ed economico da lavoro per gli operai.

url-35

Salvo poi essere riproposta dai creatori di moda per l’abbigliamento femminile.

url-39

Le jumpsuite, come le chiamano gli inglesi, sono oggi ritornate in gran voga, non solo come capo di abbigliamento comodo quotidiano, anche come capo adatto a diverse occasioni d’uso, con diritto di prelazione, persino nella cerimonia.

url-45url-40url-43

C’è chi sostiene che le tute sono adatte a tutti i tipi di corporatura, non è vero! … dipende da quali tute e quali corporature. Per fortuna tra le linee must-have c’è ampia gamma e varietà di scelta. Quindi facciamo attenzione ed un pò di sana autocritica. Abbiamo un corpo slanciato o tozzo? Il baricentro è alto o basso? Chi ha un seno procace dovrà trovare il bilanciamento tra sopra e sotto e fare molta attenzione agli scolli. Una figura snella ma minuta dovrà abbinare le scarpe giuste o scegliere il taglio a vita alta. La proporzione sarà il parametro fondamentale per trovare il modello giusto per noi.

Il fitting perfetto è perfetto in maniera diversa su ognuna di noi con le proprie peculiarità.

url-42DisplayProduct

Ci sono modelli a vita alta o bassa, modelli a fascia, talvolta ornati con ruches e voilant, modelli con il cavallo sceso, oppure aderenti come collant. Molto sexy e adatte per l’estate le tute eleganti con inserti nudi, schiena nuda o svolazzanti con cappe, scialli e mantelline incorporate.

url-41Oracle Fox gypsybeach bikini sypsy swimwear unique frankies kovey ocean beach lifestyleCi sono poi le tute di jeans…ovviamente. Di seguito, la salopette in jeans aderente con pantalone a zampa d’elefante, in perfetto tempismo con il grande revival anni ’70 del momento.

kaos-lookbook-PE15-49

Le tute bohèmian fashion o boho, sono un pò hippy, in versione short o lunga.
9-summer-outfits-ideas-every-fashion-addict-loveMolto alla moda sono anche le tute Bohémian in crochet , uncinetto, macramè o pizzo, che ci renderanno irresistibili e con quel tocco glamour.
azhurnoe-vyazanoe-plate